essenzialita-alpina
Images

Essenzialità alpina

Published on number 34 of Images, dicembre 2014

L’Alta Savoia è un territorio dove la tradizione del costruito ha radici ben salde che ancora oggi sono fortemente caratterizzanti del paesaggio, anche per quanto riguarda le strutture di nuova edificazione. A Les Gets gli amanti della montagna trovano un vero e proprio paradiso: in inverno si scia in un immenso comprensorio di sci alpino, Les Portes du Soleil, che collega sci ai piedi l’Alta Savoia con il vicino Vallese. In estate le possibilità per scoprire il territorio facendo trekking o in mountain-bike sono numerose, inoltre si può giocare in un campo da golf a 18 buche.

essenzialita-alpina_01
La purezza è il tema di questa abitazione: le linee sono semplici e fortemente materiche

Anche i turisti meno sportivi ma solo in cerca di natura, relax e genuinità, qui trovano l’ambiente perfetto. Tutta la perizia e l’esperienza del costruttore sono evidenti in questo chalet che esteriormente si presenta con un corpo di fabbrica in pietra e legno con finitura bruciata, ottenuto seguendo il naturale pendio del terreno, qui particolarmente scosceso. La copertura è in scandole di cedro rosso, quindi con un aspetto decisamente improntato sulle costruzioni tipiche della zona. Qui la definizione “tipica” è riferita agli edifici più antichi, di tipo rurale, che si trovano facilmente nella vallata, caratterizzati da strutture molto semplici. L’impresa ha realizzato un progetto sia strutturale che di arredo: al livello d’ingresso è stato creato un ampio garage, la cantina, una palestra con sauna e doccia aperta. Al primo piano 2 camere da letto, il grande spazio notte per i giovani, con un complesso sistema di letti a castello che permette di ospitare fino a 8 ragazzi e l’attiguo home cinema.

Blurred imageessenzialita-alpina_02
Il contrasto tra i legni sbiancati e la pietra scura è di grande effetto e permette di apprezzare l’arredo molto lineare

Al secondo piano, il livello in cui il terreno presentava la maggiore porzione di spazio piano, è stato ricavato l’ampio soggiorno/cucina, con un importante camino centrale che riprende la forma della tipica “borne”, la cappa tradizionale, sospesa sulla pietra del focolare, qui costruita in legno vecchio, per conferire il solo ed unico tocco di rusticità ad un ambiente che è decisamente epurato da qualsiasi linea superflua rispetto l’utilizzo. La purezza è il tema di questa abitazione le linee sono semplici e fortemente materiche, l’abilità dell’impresa è anche stata questa: realizzare un arredo secondo una richiesta decisa del committente che desiderava valorizzare i legni impiegati, per sottolineare il gusto contemporaneo e gli spazi che hanno volumi decisamente importanti. In linea con questa scelta i legni sono stati trattati con colore chiaro ad acqua, per un’impronta di tipo ecologico, che ha portato anche a scegliere la pavimentazione in ardesia naturale, così come il piano lavoro della cucina, di pietra nera dello Zimbabwe. Il contrasto tra i legni sbiancati e la pietra scura è di grande effetto e permette di apprezzare l’arredo molto lineare. Una scelta importante è stata quella della progettazione degli impianti a corredo di questo chalet in domotico, un sistema innovativo che permette la gestione a distanza dell’illuminazione, del riscaldamento, dell’impianto di video sorveglianza, in primis, oltre che della sonorizzazione, dell’impianto tv, delle tapparelle elettriche semplicemente con un tocco su uno schermo.

 

ARCHITETTO
FRANCIS DESSOBERT

REALIZZAZIONE
CHALET GROSSET-JANIN

DOMOTICA
FUTUR IN MEDIA